Vegan

Cosa significa Vegano?

Il termine vegano non è un termine nuovo, ma piuttosto un termine che è stato usato per quasi 80 anni. Un vegetariano che lasciò l’associazione vegetariana in Inghilterra, la cui fondazione risale al 1800, si rifiutò di consumare tutti gli alimenti di origine animale, così come si rifiutò di utilizzare tutti i prodotti e gli articoli con input animali.

I vegani evitano lo sfruttamento degli animali per qualsiasi scopo, la compassione è il motivo principale per cui molti scelgono uno stile di vita vegano. Gli individui vegani non mangiano latticini, uova o altri prodotti animali, oltre a evitare carne come i vegetariani. 

I vegani consumano solo mangimi per animali ed evitano tutti i prodotti animali. Da accessori e abbigliamento a trucco, i prodotti animali e i prodotti testati sugli animali sono in più posti di quanto ti aspetti. Fortunatamente, al giorno d’oggi ci sono alternative che sono adatte a quasi tutto e sono prontamente disponibili.

La parola vegan, creata unendo la prima e l’ultima lettera della parola vegetariano, rappresenta le persone che escludono tutti di prodotti di origine animale e adottano uno stile di vita che cerca di limitare il più possibile lo sfruttamento degli animali. Il concetto di veganismo va oltre la nutrizione. I vegani evitano inoltre di utilizzare tutti i prodotti personali e per la casa testati sugli animali e non acquistano o utilizzano tutti i prodotti non alimentari di origine animale, come pelle, pelliccia e lana.

Ancora confuso con il vegetarianismo dalla maggioranza della popolazione, il veganismo non è solo una dieta. Il veganismo è un concetto e uno stile di vita che si occupa del rapporto tra uomo, animale e natura insieme alla giustizia e all’uguaglianza e ha un profondo fondamento filosofico.

Qual è la storia del veganismo?

Per comprendere la storia del veganismo, è necessario conoscere la storia del vegetarianismo. Perché il veganismo è una sottocategoria del vegetarianismo.

Il veganismo ha una storia più lunga di quanto tu possa immaginare. Le persone che scelgono di vivere senza utilizzare prodotti animali sono esistite in quasi tutti i periodi della storia. Questo di solito è dovuto a motivi religiosi o spirituali. Più di recente, l’uso originale della parola “vegetariano” (nel 1830) è stato utilizzato come definizione per le persone che non mangiano mai prodotti animali e vivono con una dieta vegana e prevalentemente crudista.

Il veganismo è un tipo di dieta vegetariana che esclude completamente carne, uova, latticini o qualsiasi altro prodotto di origine animale. Essere vegani è uno stile di vita.

Il veganismo si riferisce non solo al cibo, ma anche all’industria dell’abbigliamento o a qualsiasi altro campo che implichi il maltrattamento o l’uccisione di animali. Pertanto, i vegani non sono d’accordo con i vestiti in pelle o pelliccia, ma anche con i cosmetici testati sugli animali.

Cosa mangiano i vegani?

Una dieta vegana è molto varia e comprende tutti i tipi di frutta, verdura, noci, cereali, semi, legumi, che possono essere preparati in infinite combinazioni che assicurano la mancanza di noia in cucina. Dalla pasta e pizza alle deliziose torte e crostate, quasi tutti i tuoi piatti preferiti possono essere adattati a una dieta vegana. 

A proposito, alcuni piatti molto diffusi e amati da molte persone (come la zuppa di verdure , l’insalata di melanzane, il purè di fagioli, la pasta al pomodoro o le patatine fritte con i sottaceti) sono già vegani. Inoltre, ci sono produttori che realizzano prodotti vegetali simili a quelli di origine animale, come salami, salsicce e torte di verdura, latte di riso, ecc., che possono essere inseriti nella dieta come sostituti (ad esempio con il cavolo riccio si può mangiare salsicce di verdure). 

Per una buona salute, è necessario che i vegani consumino principalmente cibi integrali (frutta, verdura, legumi, pane integrale, noci, ecc.) e con moderazione sostituti della carne o dei latticini (salsicce vegane, tofu, torte).  È anche molto importante leggere attentamente le etichette di questi prodotti ed evitare prodotti vegani che contengono additivi dannosi o sospetti.

Perché alcune persone diventano vegane?

Le persone generalmente scelgono di evitare i prodotti di origine animale per uno o più dei seguenti motivi:

  • Etica – I vegani etici credono fermamente che tutte le creature abbiano diritto alla vita e alla libertà. Pertanto, si oppongono all’uccisione di esseri coscienti solo per mangiare la loro carne, bere il loro latte o indossare la loro pelle – soprattutto perché, al momento, sono disponibili alternative soddisfacenti per tutto questo. I vegani etici si oppongono anche allo stress psicologico e fisico che gli animali sopportano a causa delle moderne pratiche agricole (ad esempio, le gabbie in cui vivono molti animali stipate per tutta la vita). Inoltre, molti vegani si oppongono alle pratiche dell’industria agricola, come la macinazione dal vivo di polli maschi da parte dell’industria delle uova o l’eccesso di cibo forzato di anatre e oche per il mercato del foie gras.
  • La salute – Alcune persone scelgono il veganismo per i suoi potenziali effetti sulla salute o perché già soffrono di alcune malattie i cui sintomi possono essere alleviati attraverso una dieta vegana. Ad esempio, le diete a base vegetale possono ridurre il rischio di malattie cardiache, diabete di tipo 2, cancro e morte prematura. Ridurre l’assunzione di prodotti animali può anche ridurre il rischio di malattia di Alzheimer o di morte per cancro. Ci sono anche persone che scelgono il veganismo per evitare gli effetti collaterali associati agli antibiotici e agli ormoni utilizzati negli allevamenti industriali. Ultimo ma non meno importante, gli studi associano costantemente diete vegane ben composte a un peso corporeo inferiore.
  • Ambiente – Le persone possono anche scegliere di evitare i prodotti di origine animale a causa dell’impatto sull’allevamento di animali sull’ambiente. Un rapporto delle Nazioni Unite (ONU) del 2010 ha affermato che questi prodotti animali generalmente richiedono più risorse e causano maggiori emissioni di gas serra rispetto alle opzioni a base di erbe. Ad esempio, la zootecnia contribuisce al 65% delle emissioni globali di ossido di azoto, al 35-40% delle emissioni di metano e al 9% delle emissioni di anidride carbonica. Queste sostanze chimiche sono considerate i tre principali gas serra coinvolti nel cambiamento climatico. Inoltre, l’allevamento di animali tende ad essere un processo che richiede molta acqua². Ad esempio, sono necessari tra 1.700 e 19.550 litri di acqua per produrre 0,5 kg di carne bovina, che è fino a 43 volte più acqua di quella necessaria per produrre la stessa quantità di grano. L’allevamento di animali su scala industriale può anche portare a una massiccia deforestazione quando le aree boschive vengono bruciate per creare invece terreni coltivati ​​o pascoli. Si ritiene che questa distruzione di habitat contribuisca all’estinzione di molte specie animali.

Cosa dicono gli esperti sul veganismo?

La raccomandazione degli specialisti è che, se una persona sta pensando di diventare vegana, per vari motivi, dovrebbe prima documentare cosa, come e quanto dovrebbe mangiare, al fine di ottenere i nutrienti necessari per una vita sana. Alcuni nutrienti essenziali o si trovano solo nei prodotti animali (come la vitamina B12 e la vitamina D) e quindi dovrebbero essere assunti dai vegani dagli integratori alimentari, oppure si trovano in pochissimi prodotti vegetali – come gli acidi grassi Omega 3 DHA ED EPA , che può essere ottenuto da integratori di olio di alghe. Se la dieta vegana è ben documentata, secondo la ricerca, può avere significativi benefici per la salute.

I benefici di uno stile di vita vegano :

  • Ridotto rischio di cancro – Nel 2015, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha nominato la carne rossa cancerogena di gruppo 2, il che significa che probabilmente provoca il cancro negli esseri umani. L’OMS ha inserito la carne lavorata (come la pancetta ) nella categoria del Gruppo 1. Cioè, è cancerogena per l’uomo. Anche il fumo di tabacco e l’amianto rientrano nella categoria del Gruppo. Anche piccole quantità di carne potrebbero aumentare il rischio di cancro. 
  • Ridotto rischio di malattie cardiovascolari – La carne di solito contiene grandi quantità di grassi saturi e trans, che possono aumentare il colesterolo nel sangue. Il colesterolo può causare depositi di grasso nei vasi sanguigni, che aumenta il rischio di ictus, malattie delle arterie periferiche e malattie cardiache. Gli alimenti a base di erbe, per natura, non contengono colesterolo alimentare. Una dieta ricca di grassi e colesterolo può aumentare la pressione sanguigna, il che rende più probabile la malattia cardiovascolare.
  • Ridotto rischio di diabete – Sempre più ricerche stanno scoprendo che una dieta a base di erbe potrebbe ridurre il rischio di sviluppare il diabete o addirittura far regredire del tutto la malattia. Uno studio recente, che ha incluso più di 2.000 adulti, ha scoperto che le persone che hanno aumentato il numero di frutta, verdura e noci nella loro dieta hanno ridotto il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 del 60% in più rispetto a coloro che non l’hanno aumentato. 
  • Miglioramento dell’umore – Uno studio ha scoperto che i partecipanti che hanno mangiato cibi vegetali integrali hanno riportato meno sintomi di depressione. Un altro studio ha scoperto che i vegetariani di solito sperimentano stati più positivi rispetto ai mangiatori di carne. Eliminare gli acidi grassi a catena lunga, principalmente l’acido arachidonico, che è presente nella carne ed è associato a sintomi di depressione, significa che si è meno esposti al rischio di soffrirne. Le diete vegane hanno anche carboidrati più complessi presenti, che aumentano l’ormone serotonina che si sente bene nel cervello.
  • Boicottare i test sugli animali – La maggior parte delle persone è contraria agli esperimenti sugli animali. Mentre la maggior parte è contraria alla pratica a causa della posizione che è crudele con gli animali, anche i test sugli animali non sono sicuri. Molti esperti concordano sul fatto che i test sugli animali non possono prevedere con precisione la risposta umana a un prodotto. Tuttavia, la pratica è ancora comune nel settore della bellezza. Poiché il veganismo non consente lo sfruttamento degli animali, l’acquisto di prodotti di bellezza vegani garantisce di non supportare la sperimentazione sugli animali.
  • Ingrediente naturale – Fino al 60% dei prodotti che applichiamo sul nostro corpo vengono assorbiti dalla pelle e raggiungono il flusso sanguigno. Molte marche di cosmetici utilizzano ftalati e parabeni nelle loro ricette. Questi ingredienti possono interferire con lo sviluppo e la riproduzione e possono causare problemi neurologici. Anche il sistema nervoso e immunitario può essere colpito. Sebbene non tutti i marchi di bellezza vegani utilizzino ingredienti naturali, sempre di più lo fanno. Oltre a evitare i rischi per la salute associati agli ingredienti chimici, gli ingredienti naturali possono fornire benefici per la salute. L’avena ha proprietà antinfiammatorie e può trattare le irritazioni della pelle, come l’eczema.
  • Pelle più sana – Una dieta a base di erbe potrebbe potenziare il tuo regime di bellezza, aiutando la tua pelle a rimanere sana. Un numero crescente di studi collega i prodotti lattiero-caseari a problemi della pelle, come l’acne. I latticini contengono ormoni della crescita e sono anche trattati con ormoni artificiali, che possono interferire con il sistema ormonale del corpo umano. Alcuni esperti ritengono anche che i latticini possano alterare i livelli di insulina, rendendo più probabile l’acne.
  • Boicottare l’industria della pelle – Indossare un capo vegano significa che non sosterrai l’industria della pelle. Oltre alle questioni relative al benessere animale legate al commercio di animali, l’allevamento di animali per la pelle (e il cibo) lascia un segno considerevole sul pianeta. La zootecnia rappresenta il 14,5% di tutte le emissioni di gas serra provocate dall’uomo. La pelle viene trattata con 250 sostanze diverse, tra cui cianuro, arsenico, cromo e formaldeide. Queste sostanze inquinano i corsi d’acqua e aumentano il rischio di malattie per i lavoratori e le comunità locali. La pelle vegana è resistente ed elegante come la sua controparte a base animale.
  • Non supporta l’industria della lana – È facile credere che la lana possa essere raccolta senza intaccare l’animale. Tuttavia, gli studi mostrano che la crudeltà sugli animali è intensa nel settore vivace. I tagli di capelli vengono pagati in base al volume di lana raccolto, non all’ora. Questo spesso incoraggia una gestione aggressiva delle pecore. Gli animali vengono picchiati e, se feriti, le loro ferite vengono cucite senza alleviare il dolore. Le alternative vegane alla lana includono canapa, lino e cotone biologico. Bambù, alghe e legno sono usati anche per realizzare vestiti senza crudeltà.
  • Diventare più sostenibili – Molti marchi di moda vegana danno la priorità alla sostenibilità nei loro progetti. Alcuni marchi di scarpe utilizzano gli scarti alimentari per realizzare scarpe da ginnastica in pelle vegana. Alcuni usano fibre di foglie di ananas, che sono un sottoprodotto delle colture di ananas e che altrimenti andrebbero perse. L’uso di queste fibre fornisce un reddito aggiuntivo alle comunità agricole e consente di risparmiare rifiuti di incenerimento, che creano emissioni tossiche. Alcuni usano anche bucce di mela gettate via dall’industria dei succhi per realizzare scarpe in pelle di mela.
  • Meno emissioni di gas serra – L’allevamento di animali è uno dei principali generatori di emissioni di gas serra, che sta esacerbando il cambiamento climatico. L’UNEP ha definito la carne “il problema più urgente al mondo”, affermando che “l’uso dei nostri animali come tecnologia di produzione alimentare ci ha portato sull’orlo del disastro”. Produrre mezzo chilo di carne bovina genera la stessa quantità di emissioni di guidare un’auto a 9,8 miglia. Produrre mezzo chilo di patate equivale a guidare un’auto di 0,17 miglia. Un rapporto del 2016 ha rilevato che se il mondo diventasse vegano, le emissioni mondiali legate al cibo diminuirebbero del 70% entro il 2050.
  • Impronta idrica ridotta – Le diete degli animali consumano una quantità incredibile di acqua. Secondo l’UNEP, la produzione di un cheeseburger al bacon richiede più di 3.000 litri d’acqua. Invece, un hamburger di carne vegano richiede dal 75 al 95 percento in meno di acqua.Chi segue una dieta vegana ha la metà dell’impronta idrica totale di un consumatore di carne.
  • Meno deforestazione – Allevare animali per il cibo richiede grandi quantità di terra e deforestazione. 
  • Salva i mari – Molte persone fanno la loro parte per salvare i mari, rinunciando alle cannucce di plastica, portando la borsa della spesa al supermercato e scegliendo prodotti senza plastica. Tuttavia, la tua dieta potrebbe avere più a che fare con l’oceano; metà della plastica trovata negli oceani proviene dalle reti da pesca. La pesca eccessiva ha anche un impatto sugli stock ittici oceanici. Alcuni esperti concordano sul fatto che gli oceani del mondo potrebbero essere privi di pesce entro il 2048. Anche la carne allevata a terra può danneggiare gli oceani. Pesticidi, erbicidi e fertilizzanti utilizzati per le colture foraggere entrano e inquinano i corsi d’acqua. Anche il drenaggio dell’allevamento intensivo e il pascolo degli animali sono un fattore importante nell’inquinamento di fiumi e laghi. 
  • Salvare le api – Spesso dimenticato, ma sempre importante è il miele. Seguire uno stile di vita vegano significa non avere questo ingrediente. E questo potrebbe avere un impatto sulle popolazioni di api. Le api sono ampiamente considerate la specie più importante del pianeta. Circa 250.000 specie di piante da fiore si affidano alle api per l’impollinazione. Senza le api, le scorte di frutta e verdura si esaurirebbe. Ci vogliono più di 550 api per raccogliere 1 chilogrammo di miele da circa 2 milioni di fiori. Le api voleranno per 55.000 miglia per produrre un gallone di miele. L’ape media produrrà solo 112 di un cucchiaino di miele nel corso della sua vita e le api fanno affidamento su di esso come principale fonte di cibo. Fortunatamente per gli amanti del miele, ci sono molte alternative vegane là fuori. Puoi anche usare lo sciroppo d’acero o il nettare di agave.

Come puoi essere davvero vegano?

Alcune persone passano subito al veganismo, non avendo problemi a rinunciare alla carne, ma altre lottano con se stesse finché non riescono a prendere questo nuovo impegno. Tuttavia, la maggior parte diventa vegetariana prima di abbracciare completamente il concetto di veganismo. Quindi, ci sono vari modi per diventare vegani. Se vuoi essere vegano, uno dei modi migliori è eliminare gradualmente dalla tua dieta i cibi con ingredienti animali, fino a rinunciarvi del tutto e non sentire più il bisogno di consumarli. Non ci sono modi giusti o sbagliati per diventare vegani, ma devi armarti di molta ambizione e mantenere la pazienza.

I vegani tendono ad essere molto più sani dei vegetariani. Perché? Perché non mangiano affatto carne, e questo significa che proteine ​​animali, grassi animali e colesterolo dannosi per la salute non entrano nel corpo. La dieta vegana comprende proteine ​​vegetali, fibre, carboidrati complessi, vitamine, minerali e grassi sani. Per essere vegan nel vero senso della parola, dopo aver pulito in frigo, devi pulire anche nell’armadio, nello scaffale dove tieni i cosmetici, nell’armadio dove tieni i prodotti per la pulizia, e non solo perché il veganismo solleva non solo la nutrizione, ma anche questioni etiche e ambientali, poiché i prodotti contenenti ingredienti animali non vengono utilizzati affatto.

Le diete vegane sono associate a un rischio molto più basso di sviluppare malattie come cancro al colon, malattie cardiovascolari, colesterolo alto, ipertensione, cancro alla prostata, cancro al seno, infarto e altro ancora. Gli studi dimostrano che se la dieta vegana viene seguita correttamente, diventa uno stile di vita estremamente sano. Tuttavia, se la dieta non è ben pianificata e alcune vitamine, minerali e sostanze nutritive non sono incluse nel menu, può verificarsi una carenza nel corpo. I vegani hanno bisogno di inserire nei loro menù fonti di vitamina B12, calcio, iodio e vitamina D in quantità maggiori rispetto a chi non ha adottato questo stile di vita, per creare un equilibrio nella dieta…

Essere vegani porta molte soddisfazioni. Adottare una dieta vegana significa rifiutarsi di affrontare la crudeltà verso gli animali e distruggere l’ambiente, ma mostrare compassione e sostenere la salute. Bisogna prestare molta attenzione alla lista degli ingredienti sulle etichette degli alimenti, dei cosmetici e quant’altro. Molti prodotti esistono anche in versioni alternative pensate appositamente per i vegani.

Qual’è la differenza tra vegano e vegetariano?

Cos’è il vegetarianismo?

Il vegetarianesimo è una dieta in cui le persone scelgono di non mangiare carne, sia essa di animali da fattoria (pollo, maiale) o pesce/frutti di mare, evitando anche prodotti derivati ​​da carne o grasso animale. Tuttavia, i vegetariani possono mangiare uova, latticini (latte, formaggio, yogurt) e miele.

Perché alcune persone scelgono di diventare vegetariani?

Ci sono diverse motivazioni per questa scelta. Alcune persone scelgono di non mangiare carne per motivi religiosi, altri considerano non etico tenere gli animali in cattività o macellarli per il cibo. Un’altra categoria di persone semplicemente non mangia per evitare i possibili rischi per la salute derivanti dal consumo di carne.

Quanto è diffuso il vegetarianismo?

Questa dieta scelta si trova in tutto il mondo. In India, ad esempio, ai seguaci dell’induismo non è permesso mangiare carne. Molti buddisti si rifiutano anche di mangiare carne. Ci sono anche ebrei o cristiani che preferiscono non mangiare carne, anche se non adottano il titolo di “vegetariano”. 

Quanti tipi di vegetariani esistono?

Ci sono diversi dibattiti sulla classificazione dei vegetariani e su chi può essere considerato vegetariano o meno. Tuttavia, presenteremo tutte le forme conosciute di vegetarianismo:

  1. Lacto-Ovo-Vegetarianians : è la forma più comune di vegetarianismo e si riferisce a quelle persone che consumano uova e latticini;
  2. Latto-vegetariani :  consumano latticini, ma rifiutano le uova;
  3. Ovo-vegetariani : sono l’opposto dei latto-vegetariani in quanto questa categoria accetta il consumo di uova, ma rifiuta il consumo di latticini.
  4. Vegani : sono un tipo di vegetariani che rifiutano tutti i prodotti di origine animale e scelgono di consumare solo prodotti di origine vegetale.
  5. Raw-Vegans : sono quei vegani che consumano solo prodotti che non sono stati lavorati a temperature superiori a 44-46 gradi Celsius.
  6. Pesco-Vegetariani : sono quei vegetariani che ancora accettano il consumo di pesce.
  7. Macrobiotica : è un tipo di dieta originaria del Giappone. Questa dieta mira a raggiungere un equilibrio spirituale tra le forze di Yin e Yang, l’alimentazione che occupa un posto centrale per il nostro benessere. Gli aderenti a questa dieta scelgono di consumare alimenti biologici, coltivati ​​localmente e stagionalmente. La loro dieta si basa su cereali, frutta e verdura, semi. Il cibo viene preparato mediante bollitura, cottura al forno o al vapore. Evita alcol, caffè, carne, zucchero o dolci in eccesso, anche l’uso del microonde e scegli di utilizzare prodotti in plastica o in ferro, quindi evita anche prodotti in scatola.
  8. Frutticoltori o mangiatori di frutta : sono un sottogruppo di vegetariani che mangiano principalmente frutta. Va notato che i frutti non includono solo i frutti tradizionali come mele, arance o banane, ma anche tutti i frutti vegetali, come pomodori, noci, semi, fagioli o altre bacche. Si rifiutano di mettere in pericolo la vita delle piante, ad esempio, se mangiano una carota, l’intera pianta viene compromessa, e scelgono solo quelle parti che permettono alla pianta di vivere più a lungo.
  9. Semi-vegetariani : si riferisce a quelle persone che cercano il più possibile di mangiare prodotti a base vegetale, ma mangiano pollame e pesce.

Cosa mangiano i vegetariani?

La dieta vegetariana è composta dai seguenti prodotti:

  1. Grassi naturali : oli spremuti a freddo, come cocco o avocado;
  2. Frutta fresca o disidratata;
  3. Verdure : tutte le verdure, soprattutto quelle verdi;
  4. Semi : semi di girasole, zucca, lino o chia;
  5. Noci : dalle classiche noci, agli anacardi, noci del Brasile, nocciole, arachidi;
  6. Cereali integrali : ceci, fagioli, quinoa, grano saraceno, lenticchie, amaranto;
  7. Farina integrale;

Per compensare i nutrienti normalmente presenti, i vegetariani consumano in particolare i seguenti prodotti:

  • Per il fabbisogno proteico: soia, tofu, fagioli, piselli, lenticchie, funghi, burro di arachidi, cereali integrali, canapa, semi (zucca, girasole, lino, chia, sesamo) pistacchi, noci (anacardi, noci pecan, macadamia, noci di cocco). Le proteine ​​possono essere ottenute anche dalle uova.
  • Per il ferro necessario:  broccoli, uvetta, tofu, piselli, cereali integrali, spinaci e frutta (fichi, pere, datteri, albicocche, prugne, melograni);
  • Per la vitamina B12: di solito non si trova nei prodotti vegetali, quindi molte persone possono soffrire di anemia a causa della mancanza di vitamina B12. Si trova nei fiocchi di lievito, nei funghi e nelle alghe o nel latte di soia. Si possono assumere integratori alimentari per garantire l’assunzione di B12.Per il calcio: i latticini sono un’importante fonte di calcio. Chi non vuole consumare questi prodotti può scegliere soia, mandorle, insalate di cavolo riccio, broccoli, cavoli, spinaci, ceci.
  • Per lo zinco: i formaggi contengono zinco, così come soia, lenticchie, fagioli, semi e noci.
  • Per gli acidi grassi Omega-3: si trovano principalmente nel pesce. Tuttavia, possono essere assimilati anche da tofu e prodotti a base di soia, semi di zucca, noci, semi di lino, olio di colza.
  • Per il selenio necessario : lievito di birra, cereali integrali, broccoli, riso integrale, aglio, cipolle, finocchio, prezzemolo.

Il veganismo è una forma molto rigida di vegetarianismo. Se i vegetariani non mangiano carne, i vegani non mangiano nessun alimento che provenga da animali (non solo carne), addirittura portano tutto ad un altro livello perché non utilizzano prodotti che si ottengono dallo sfruttamento degli animali, come abbigliamento in pelle, candele di grasso animale, cosmetici testati sugli animali o altri prodotti simili.

Il vegetarianismo o il veganismo sono una forma di perdita di peso?

Gli alimenti consumati da entrambe le categorie sono generalmente a basso contenuto di grassi saturi e colesterolo. Pertanto, le persone che scelgono di seguire queste diete possono perdere peso più facilmente. Inoltre, se seguiti correttamente, forniscono un’elevata dose di vitamine, minerali e fibre che garantisce una migliore salute.

 Attento! Le persone che scelgono queste diete devono stare molto attente a ricevere tutti i nutrienti di cui il loro corpo ha bisogno.

I rischi del vegetarianismo e del veganismo

Come accennato in precedenza, uno dei rischi di queste diete si verifica quando non forniamo tutte le vitamine e i minerali necessari al nostro corpo. Un esempio di vitamina di cui dobbiamo prenderci cura è la vitamina B12. La carenza di vitamina B12 può portare ad anemia, malattie cardiovascolari, infertilità, un sistema nervoso carente e una cattiva salute delle ossa. Per integrare questa carenza vitaminica, possono essere somministrati degli integratori. Si consiglia di consultare un nutrizionista prima dell’adozione e durante questa dieta.

Le informazioni in questo articolo non devono sostituire la consultazione di uno specialista o una visita da un medico. Qualsiasi raccomandazione medica contenuta in questo materiale è solo a scopo informativo. Le conclusioni o i riferimenti non sono tipici e possono variare da individuo a individuo e possono dipendere dal proprio stile di vita, salute, ma anche da altri fattori. Queste informazioni non dovrebbero sostituire una diagnosi informata.

Lascia un commento