Piante che hanno poteri miracolosi

Valeriana

Valeriana ( Valeriana oficinalis) è una delle piante curative più efficaci con un effetto calmante. Il suo nome deriva dalla parola latina “valere” che significa “benessere”. 

Tradizionalmente, la radice di valeriana viene utilizzata come sedativo naturale, che esercita un’efficace azione rilassante sull’intero sistema nervoso centrale. Studiata con attenzione dai ricercatori fin dall’inizio del XX secolo, la radice di valeriana contiene oltre 150 costituenti. Di questi, un posto importante è l’acido gamma-aminobutirrico, un aminoacido considerato un importante inibitore dei neurotrasmettitori e che si trova in quasi il 40% delle sinapsi cerebrali. Numerosi studi clinici hanno dimostrato che questo composto naturale, presente nella radice di valeriana, provoca un miglioramento della memoria e delle funzioni cognitive ed elimina l’affaticamento o la debolezza associati a nervosismo, ansia o stress. Inoltre, anche l’acido gamma-aminobutirrico contenuto nella radice di valeriana ha un importante valore nutritivo.

Ecco perché l’uso di rimedi naturali che contengono valeriana consente di rigenerare le funzioni del sistema nervoso e di instaurare un profondo stato di rilassamento, che favorisce anche l’instaurazione di un sonno ristoratore. Come hanno dimostrato le numerose ricerche e studi clinici effettuati sulla radice di valeriana, va tenuto presente un fatto notevole, ovvero che anche in caso di somministrazione ripetuta, per periodi più lunghi, di radice di valeriana, essa non ha assolutamente alcun effetto negativo impatto sulla vigilanza, sull’attenzione o sulla velocità di risposta agli stimoli nervosi, processi che normalmente avvengono nello stato di veglia.

Salvia

Si dice che quando pianti e poi ti prendi cura della salvia in giardino, questa saprà darti il ​​dono di una vita lunga e felice. Nell’antichità la salvia ( Salvia oficinalis) era considerata la pianta che aiutava gli anziani a godersi la vita, proprio come i giovani. Da allora, le foglie di salvia sono state utilizzate in molte preparazioni naturali per migliorare la memoria. In latino il suo nome significa “guarire”, proprio perché le foglie di salvia hanno proprietà curative in quasi tutti i tipi di malattie, motivo per cui era considerata un vero toccasana. La Salvia fa parte del gruppo delle piante aromatiche. Insieme all’eucalipto, le foglie di salvia contengono anche altre sostanze dal forte ruolo antiossidante. Studi fitochimici comparativi hanno dimostrato che la salvia ha effetti antiossidanti forti quasi quanto le varie varietà di timo. Le foglie di salvia possono essere utilizzate in molti modi, sia fresche che sotto forma di polvere secca. Masticate intere, fresche o essiccate, le foglie di salvia possono generare rapidamente uno stato di energizzazione mentale, allontanando così rapidamente stati di ansia, paura o depressione. Usata sistematicamente da coloro che la conoscono, la salvia può portare rapidamente a una maggiore attenzione e prontezza. Promuove inoltre il raffinamento delle percezioni sensoriali e può contribuire pienamente all’amplificazione della benefica intelligenza creativa.

Il basilico

Tra le piante utilizzate a scopo curativo, il basilico ( Ocimum basilicum) è la pianta attualmente conosciuta ed apprezzata in quasi tutto il mondo. Fin dai tempi degli antichi greci, il basilico è stato significativamente chiamato il “re delle erbe”, il termine greco “basileus” ha esattamente il significato di “re”. Il basilico è originario dell’India e la sua coltivazione è diffusa fin dall’antichità nell’Europa meridionale. Dall’aroma particolarmente gradevole e raffinato, il basilico è stato e continua ad essere utilizzato per insaporire vari piatti, tra l’altro per le sue proprietà digestive. L’olio presente nelle foglie di basilico contiene linalolo, eugenolo, eucaliptolo e anetolo. Il basilico è unanimemente apprezzato come pianta in grado di favorire il risveglio spirituale. L’aroma specifico del basilico genera nell’ambiente circostante un ineffabile stato di sacralità, producendo così, nell’essere di chi si lascia penetrare dal suo gradevole profumo, uno spontaneo orientamento della mente verso pensieri buoni e luminosi. L’uso costante di polvere di foglie di basilico essiccato è estremamente benefico per coloro che cercano di risvegliare nel loro universo interiore uno stato di armonia tra cuore e mente.

Finocchio

Finocchio ( Foeniculum vulgare) è apprezzato come ottimo fortificatore, sin dai tempi dell’Antica Grecia. Il finocchio può sostituire con successo qualsiasi altra pianta esotica, essendo un fortissimo stimolante della digestione e in generale delle funzioni corporee. Il finocchio è spesso considerato un alimento, che è anche un prezioso rimedio naturale. I semi di finocchio sono un ottimo condimento per i dolci. Insieme ai semi di anice e alla cannella, puoi ottenere un abbinamento aromatico molto gustoso per piatti dolci, torte o macedonie. Il latte dolce ai semi di finocchio è un ottimo rimedio per le persone irritabili, litigiose, nervose o ansiose. La ricetta è la seguente: Mettere un cucchiaino di polvere di semi di finocchio finemente macinati in un bicchiere di latte dolce caldo, quindi lasciare raffreddare. Bere subito a piccoli sorsi. La polvere di semi di finocchio, somministrata separatamente, genera rapidamente uno stato di energizzazione psico-mentale, aumentando così la vigilanza e provocando l’instaurarsi del buon umore.

Verbena

Conosciuta da oltre 5.000 anni, la verbena ( Verbena oficinalis) è una pianta curativa utilizzata in varie tradizioni del mondo. Nel corso del tempo, la verbena è stata denominata come la “pianta dell’amore”. Nel medioevo veniva utilizzato per preparare elisir magici, che riuscivano a domare la natura passionale degli uomini guerrieri. La verbena è anche conosciuta e utilizzata nella tradizione indiana. Nella medicina Yunani, la verbena è usata come tonico, come antifebbrile, ma soprattutto come sedativo, per curare i disturbi nervosi. In Cina, la verbena era usata per trattare l’irritazione, la tensione e la tensione nervosa, poiché era nota per il suo effetto profondamente calmante e lenitivo, che fornisce un ottimo stato mentale e mentale. Ciò che è notevole della verbena è soprattutto la sua speciale capacità di modellare in modo benevolo le asperità proprie della natura maschile, che è ancora insufficientemente armonizzata. L’uso di preparati naturali di verbena o della polvere secca di questa pianta può portare alla comparsa negli uomini di un ampio stato di apertura emotiva verso la natura femminile.

Ginepro

Il ginepro è una conifera diffusa in tutta Europa e in Asia, i cui frutti sono noti per le loro virtù terapeutiche. I frutti sono piccoli, grandi come un pisello, profumati e viola.

Esistono diverse forme in cui la pianta miracolosa può essere somministrata, ma sembra che gli effetti migliori si ottengano curando con le bacche di ginepro, potendo così beneficiare appieno della grande quantità di vitamine e minerali contenuta nel frutto. La cura è simile a una nota dieta a base di limone: inizia con una sola bacca in un giorno, aumentando gradualmente il numero di bacche fino a 15 e poi diminuendo di una ogni giorno.

Si può utilizzare anche la polvere, ottenuta dalla macinazione delle bacche di ginepro essiccate, ma anche la tintura e l’infuso combinati di ginepro. Inoltre, l’olio di ginepro  disciolto nell’olio d’oliva, ad esempio, è un ottimo olio da massaggio contro i dolori muscolari e articolari.

Quali malattie cura o migliora il ginepro?

Ci sono molte condizioni in cui il ginepro può aiutare a curare o almeno alleviare i sintomi.

Ecco qui alcuni di loro:

infezione delle vie urinarie, per le proprietà antisettiche delle bacche di ginepro. A tale scopo viene preparata una cura con la tintura di ginepro, un cucchiaio 4 volte al giorno, in cicli di 15-18 giorni nel gonfiore, fastidio addominale, dove si consiglia la polvere di ginepro, che stimola la secrezione dei succhi gastrici;

– prevenzione e miglioramento dell’artrite reumatoide gotta, perché stimola l’eliminazione dell’acido urico dall’organismo;

candidosi, contro la quale l’olio di ginepro, dal quale si prelevano poche gocce (4-5) al giorno per 15 giorni e poi si fa una pausa di 15 giorni e si riprende la cura;

ritenzione di liquidi, contribuendo all’eliminazione dell’acqua dall’organismo;

calcoli renali, per un mese a stagione;

sovrappeso e obesità, ginepro, un ruolo nella regolazione dell’appetito, ma anche dell’equilibrio ormonale;

bronchiti varie, per le quali si fanno i bagni aggiungendo qualche goccia di tintura di ginepro nella rispettiva acqua. Gli effetti sono antinfiammatori e persino antibiotici. Il bagno deve essere caldo e durare almeno 15 minuti; anche nelle bronchiti viene massaggiato nella zona del torace con olio di ginepro unito a olio di oliva.

dolori articolari e muscolari, per i quali si utilizza tutto l’olio di ginepro disciolto nell’olio di oliva e si massaggiano leggermente le zone dolenti, almeno 2 volte al giorno;

Il ginepro è quindi un rimedio naturale molto utile e non è affatto male avere in casa una bottiglia di tintura di ginepro, ma anche con olio.

Achillea

La fama di guaritore universale spiega la grande diversità di nomi popolari dati dagli abitanti dei villaggi in tutte le regioni del paese: nocciole, abete, sorocina…

È una pianta perenne, gradevolmente profumata, alta 30-70 cm, con foglie strette, lunghe 8-20 cm, a pettine. I fiori sono piccoli, bianchi o rosa, raggruppati in infiorescenze poste alla sommità degli steli.

A scopo terapeutico si raccolgono le infiorescenze o l’intera parte aerea. Il momento migliore per la raccolta è prima della piena fioritura, giugno-settembre. Sono preferite le giornate soleggiate, tra le 10:00 e le 14:00, quando la maggior quantità di olio essenziale si accumula nei fiori e nelle foglie. Le infiorescenze vengono tagliate al di sotto del luogo di ramificazione, a circa 20 cm dall’alto, evitando le parti legnose dei fusti.

L’essiccazione avviene in strati sottili, in locali arieggiati o sottotetti ricoperti di latta, al riparo dalla luce solare diretta, e conservati in sacchi di carta o sacchi di tela, conservati in luogo asciutto per evitare l’imbrunimento. Da 4 kg di piante fresche si ottiene 1 kg di prodotto secco, con odore aromatico e sapore amaro-astringente, leggermente salato.

Azioni terapeutiche specifiche

Le piante dalla coda di topo (achillea), lavorate in varie forme, hanno un grande valore nel trattamento di molti disturbi nelle persone di tutte le età.

Nelle malattie digestive:

– gastrite iperacida, ulcera gastrica e duodenale, infiammazione del tratto gastrointestinale;

– stimolazione delle funzioni epatiche e della cistifellea, sollievo dalla colica epatica, insufficienza biliare, discinesia biliare, intensificazione della secrezione biliare quattro volte;

– miglioramento della digestione, sindrome dispeptica con indigestione cronica, colite, enterocolite, spasmi gastrointestinali, coliche addominali e intestinali, crampi allo stomaco, gonfiore e flatulenza;

– sanguinamento dello stomaco;

– intestino irritabile;

– regolazione del transito (stitichezza, diarrea);

– controllo dei vermi intestinali;

– noressia (mancanza di appetito).

A livello dei reni ci sono azioni benefiche per prevenire calcoli renali, coliche renali, insufficienza renale ed enuresi (minzione involontaria).

Nelle malattie respiratorie:

– tosse, bronchite, asma, raffreddore, raffreddore, polmonite, emorragia polmonare, emottisi, tubercolosi polmonare (in combinazione con timo e camomilla) e cancro ai polmoni;

– rinite, sinusite, rinosinusite allergica;

– febbre, iperidrosi.

Nelle malattie del sistema nervoso:

– combatte condizioni allergiche, nevrosi, mal di testa, crisi epilettiche, vertigini, insonnia, convulsioni;

– rafforza i nervi;

– combatte il nervosismo nelle ragazze durante la pubertà;

– combatte l’astenia primaverile, le emicranie causate dai cambiamenti climatici e la stanchezza generale.

Nelle malattie cardiovascolari:

– interviene nella cardiopatia ischemica, nell’angina pectoris e nella congestione cerebrale;

– riduce la pressione alta;

– regola i disturbi circolatori dovuti alla vecchiaia e gli spasmi vascolari;

– ripristina l’elasticità delle pareti delle vene e delle arterie;

– riduce i tempi di coagulazione del sangue, purifica il sangue e interviene nella leucemia.

In condizioni dermatologiche:

– Fin dall’antichità, la coda di topo è stata utilizzata per curare ferite sanguinanti causate da tagli e ulcerazioni persistenti, il che si spiega con le sue proprietà antisettiche e astringenti.

Non è esagerato affermare che l’Achillea è un noto toccasana per fermare le emorragie, combattere le infezioni della pelle e curare molte malattie della pelle (dermatosi, ferite difficili da rimarginare, ustioni, tagli, eczemi umidi, ferite purulente, acne, tigna, panariti, ulcere ). , vene varicose, flebiti, ulcere varicose della gamba, contusioni, rigenerazione dei tessuti danneggiati, orticaria, emorroidi, fistole anali).

Notevoli effetti si riscontrano anche nei trattamenti per reumatismi, artrite, osteoartrite, osteoporosi e gotta.

A livello della cavità orale e nasale interviene favorevolmente nelle stomatiti, afte, emorragie dentarie, ascessi dentali con dolore, epistassi (epistassi).

Le informazioni in questo articolo non devono sostituire la consultazione di uno specialista o una visita da un medico. Qualsiasi raccomandazione medica contenuta in questo materiale è solo a scopo informativo. Le conclusioni o i riferimenti non sono tipici e possono variare da individuo a individuo e possono dipendere dal proprio stile di vita, salute, ma anche da altri fattori. Queste informazioni non dovrebbero sostituire una diagnosi informata