Acido folico – cos’è, benefici, sintomi, controindicazioni

Le vitamine sono essenziali per il corretto funzionamento del corpo, noto anche come vitamina B9, ha molti benefici per il corpo. Allo stesso tempo, la carenza di acido folico può portare a problemi di salute. Ecco perché è necessario conoscere quale ruolo ha l’acido folico nell’organismo, quali sono i sintomi della carenza di acido folico, ma anche quali sono le fonti ricche di acido folico e come può essere somministrato.

Cos’è l’acido folico 

L’acido folico o folato è un nutriente essenziale che fa parte del complesso di otto vitamine idrosolubili del gruppo B. È importante notare che l’acido folico è una forma sintetica di vitamina B9 e non si trova naturalmente negli alimenti, ma sotto forma di un integratore alimentare… Il folato è la forma naturale della vitamina B9. Allo stesso tempo, una volta raggiunto il corpo, l’acido folico viene convertito in vitamina B9 in modo che possa essere assimilato.

L’acido folico è necessario per il corretto funzionamento del corpo, essendo coinvolto nella produzione di materiale genetico (DNA) e in altre funzioni del corpo. Contribuisce alla produzione di energia, al metabolismo dei carboidrati, regola il funzionamento del sistema nervoso e la trasformazione delle proteine ​​e dei lipidi nell’organismo.

Benefici dell’acido folico :

Poiché l’acido folico viene convertito in vitamina B una volta raggiunto il corpo, possiamo continuare a parlare dei suoi benefici per il corpo. 

  • Previene i difetti alla nascita – bassi livelli di folato nelle prime fasi della gravidanza sono stati associati ad un aumentato rischio di malformazioni nel cervello, nella colonna vertebrale o nel midollo osseo. Per questo motivo è importante che le donne in gravidanza assumano integratori alimentari con acido folico sia prima che durante la gravidanza.
  • Supporta il sistema nervoso – un livello ottimale di acido folico è utile per la prevenzione dei disturbi dello sviluppo neurologico o emotivo. Allo stesso tempo, può prevenire la demenza e aiutare a ridurre il declino cognitivo.
  • Riduce il livello di omocisteina – l’omocisteina è una molecola strettamente correlata alla comparsa di problemi cardiovascolari, aterosclerosi o trombosi venosa, ma anche alla comparsa di stati depressivi. Pertanto, l’acido folico aiuta a ridurre i livelli di omocisteina e previene questi problemi di salute.
  • Previene la depressione – l’acido folico basso è associato alla depressione. Gli integratori di acido folico stimolano quindi i recettori della serotonina nel cervello e possono essere raccomandati insieme al trattamento per la depressione.
  • Supporta il sistema immunitario – la carenza di acido folico può portare a un indebolimento del sistema immunitario e all’anemia megaloblastica. L’assunzione di una dose ottimale di acido folico aumenta la resistenza dell’organismo alle infezioni.

Come accennato in precedenza, l’acido folico svolge anche un ruolo importante nella sintesi e riparazione del DNA e, allo stesso tempo, aiuta l’organismo ad assorbire i nutrienti dal cibo. L’acido folico aiuta anche a creare nuove cellule, in particolare i globuli rossi.

Sintomi della carenza di acido folico

Di solito, i sintomi della carenza di acido folico nel corpo possono comparire gradualmente, ma peggiorano se questo problema non viene trattato in tempo. Uno dei principali segni di carenza di acido folico è la comparsa di anemia megaloblastica, dovuta alla carenza di globuli rossi. Pertanto, è importante ricordare che l’anemia si manifesta con stanchezza, mancanza di appetito, mal di testa, svenimenti o diarrea.

Altri sintomi di carenza di acido folico sono i seguenti:

  • Stati depressi (alto livello di omocisteina);
  • Allergie;
  • Debolezza muscolare;
  • Disturbi della memoria;
  • Fatica;
  • Irritabilità;
  • Respiro a scatti.

Allo stesso tempo, un basso livello di acido folico è associato ad un aumento del rischio di malformazioni congenite nei neonati, infarto (a causa di alti livelli di omocisteina), cancro allo stomaco, parto prematuro o addirittura aborto.

Si consiglia una visita medica per determinare esattamente se si tratta di carenza di acido folico. Il medico farà una diagnosi basata sugli esami del sangue , che indicherà il livello di folato nei globuli rossi.

Cause di carenza di acido folico

Per cominciare, è importante ricordare che l’acido folico è una vitamina idrosolubile. Ciò significa che si dissolve una volta raggiunto il corpo e non rimane immagazzinato nel grasso nelle cellule. In altre parole, nell’organismo non si forma una riserva di acido folico ed è necessario un apporto costante. Pertanto, alcune delle cause che possono portare alla carenza di acido folico sono:

  • Una dieta squilibrata – è importante mangiare cibi ricchi di vitamina B, come carne rossa, broccoli o agrumi, ma anche cibi arricchiti con acido folico o integratori di acido folico, soprattutto durante la gravidanza. Tieni presente che i cibi troppo cotti possono perdere una quantità significativa di vitamina B9.
  • Alcune malattie – ci sono alcune condizioni che possono portare a uno scarso assorbimento dell’acido folico nel corpo. Questi includono il morbo di Crohn, la malattia renale o la celiachia .
  • Fumo e alcolismo – questi possono portare a livelli più bassi di acido folico nel corpo.
  • Alcuni farmaci, come quelli usati per trattare il cancro, l’epilessia o l’artrite reumatoide.
  • Gravidanza e allattamento – durante questi periodi aumenta il fabbisogno del corpo di acido folico e vitamina B9.

L’importanza dell’acido folico in gravidanza

Come accennato in precedenza, durante la gravidanza e l’allattamento aumenta il bisogno dell’organismo di assimilare acido folico e vitamina B9. Ecco perché è importante che le donne in gravidanza o che si stanno preparando ad avere un figlio inizino ad assumere integratori a base di acido folico perché aiuta il corretto sviluppo del feto e previene le malformazioni al cervello o al midollo spinale.

Allo stesso tempo, l’acido folico, somministrato prima o durante la gravidanza, protegge il feto dalle seguenti condizioni:

  • Cheiloschizis (labbro di coniglio);
  • Palatoschizis (palatoschisi);
  • Malformazioni cardiache;
  • Difetti del tubo neurale.

Gli integratori di acido folico possono ridurre il rischio di aborto spontaneo, parto prematuro, sottosviluppo del feto nell’utero o riduzione del peso alla nascita.

Alimenti ricchi di acido folico

I folati (vitamina B9) si trovano naturalmente nei seguenti alimenti:

  • Lenti a contatto;
  • Ceci;
  • Broccoli;
  • Fegato;
  • Asparago;
  • Cavoletti di Bruxelles e cavolo cappuccio;
  • Cavolfiore;
  • Piselli verdi;
  • Spinaci;
  • Avocado;
  • Carciofo;
  • Fagioli;
  • Agrumi;
  • Semi di girasole;
  • Tuorlo.

Tuttavia, ci sono anche alimenti che sono arricchiti con acido folico solo per compensare il deficit nel corpo. Questi sono pane, cereali, farina, farina di mais, barrette proteiche o riso.

Controindicazioni e possibili effetti collaterali della somministrazione di acido folico

Per quanto riguarda la somministrazione di acido folico, ci sono alcune precauzioni che dovresti prendere in considerazione, ma anche effetti collaterali che possono verificarsi.

Prima di tutto, se ci sono segni di anemia, è consigliabile andare dal medico per vedere quali sono le cause. Il motivo è che l’anemia può verificarsi anche a causa della carenza di ferro o vitamina B12. Se non si segue il trattamento corretto, possono verificarsi complicazioni, come danni ai nervi, soprattutto se si tratta di una carenza di vitamina B12.

In secondo luogo, troppo acido folico può farlo accumulare nel sangue e indebolire o ridurre le funzioni cerebrali del sistema immunitario. Altri effetti collaterali che possono verificarsi a causa di un’elevata quantità di acido folico possono essere crampi addominali, diarrea, confusione, irritabilità, disturbi del sonno, nausea o altri problemi digestivi. Gli effetti collaterali si verificano, tuttavia, abbastanza raramente dato che l’acido folico è solubile in acqua e viene facilmente eliminato dall’organismo attraverso l’urina.

In alcuni casi, l’assunzione di elevate quantità di acido folico per lungo tempo può aumentare il rischio di infarto nelle persone con problemi cardiovascolari, ma anche l’insorgenza di cancro ai polmoni o alla prostata.

Le persone che soffrono di allergie e assumono integratori di acido folico possono sviluppare una reazione allergica all’acido folico. Ciò si manifesta con la comparsa di eruzioni cutanee, prurito, arrossamento e difficoltà di respirazione.

Allo stesso tempo, l’acido folico può interagire con alcuni farmaci, quindi è indicato un consulto medico per determinare qual è la dose giornaliera raccomandata di acido folico e come può essere somministrata.

Scopri il club, hai accesso a più di 300 prodotti bio, con ingredienti bio, soluzioni più sane con servizi di qualità e campagne di stimolazione.

Le informazioni in questo articolo non devono sostituire la consultazione di uno specialista o una visita da un medico. Qualsiasi raccomandazione medica contenuta in questo materiale è solo a scopo informativo. Le conclusioni o i riferimenti non sono tipici e possono variare da individuo a individuo e possono dipendere dal proprio stile di vita, salute, ma anche da altri fattori. Queste informazioni non dovrebbero sostituire una diagnosi informata.

Lascia un commento