Passa ai contenuti principali

L-Carnitina: adiuvante nelle diete dimagranti e non solo

 La L-Carnitina è un derivato amminoacido prodotto naturalmente nel corpo e sintetizzato a livello di tutte le cellule (in quantità maggiori soprattutto da atleti e persone che vogliono dimagrire, ha molti altri benefici.

Fonti naturali di L-Carnitina

Ci sono diversi tipi di L-Carnitina: propionil-L-carnitina, acetil-L-carnitina, L-carnitina fumarato, L-carnitina tartrato e D-carnitina.
La puoi trovare in grandi quantità in: carne rossa (una fonte principale è la carne di manzo), petto di pollo e pesce grasso, ma anche in alcuni alimenti vegetali come l’asparago, l’avocado o il pane integrale (ma in quantità molto piccola).

L’integrazione della dieta normale con la L-Carnitina è raccomandata per:

  • la produzione di energia dalle molecole di grasso quando le riserve di glicogeno sono esaurite dopo l’allenamento cardio
  • il trasporto di acidi grassi all'interno dei mitocondri per generare energia; i mitocondri sono chiamati anche "le centrali ener• il mantenimento del controllo del peso corporeo
  • l’intensificazione dei processi metabolici
  • la prevenzione della fatica durante gli allenamenti fisici
  • le persone con intensa attività fisica e mentale
  • in regimi di dieta vegetariani o vegani
È adatta anche per:
  • le persone di oltre 30-35 anni per stimolare l'attività del miocardio, l'attività metabolica e la
  • disintossicazione delle cellule epatiche
  • le persone con diabete (per prevenire complicanze vascolari e neurologiche consecutive)
  • nelle malattie cardiovascolari, dislipidemie e aterosclerosi
  • infertilità maschile causata da astenospermia (riduzione della motilità spermatica)
  • rafforzamento del sistema immunitario
  • riduzione del livello di colesterolo e trigliceridi
  • miglioramento della densità ossea (può essere usata per alleviare i sintomi dell'osteoporosi)
  • crescita della resistenza fisica al dolore e allo sforzo (migliora le prestazioni durante l'allenamento)
  • miglioramento della funzionalità epatica.
L-Carnitina: DGR e controindicazioni

Perché può essere sintetizzata dall'organismo (non è un nutriente essenziale), non è stata stabilita
una dose giornaliera raccomandata.
Tuttavia, l'eccesso di L-carnitina può avere effetti collaterali: nausea, diarrea, crampi addominali o
odore sgradevole del corpo. Questi rischi si verificano quando si consumano più di 3 grammi al giorno.
È vietata alle persone che soffrono di ipotiroidismo, donne incinte o che allattano al seno.
Interagisce con le seguenti sostanze: farmaci per rallentare la coagulazione del sangue, trattamenti a
base di ormoni tiroidei, warfarin.
Inoltre, prima di integrare la dieta con L-Carnitina, devono consultare il consiglio di un medico
specialista le persone che soffrono di: malattie renali, malattie cardiovascolari, cirrosi, diabete.

Ti raccomandiamo:

L-Carnitine un integratore alimentare che può contribuire a trasformare il grasso in energia. È consigliato nelle diete dimagranti, nei regimi di dieta vegetariani, alle persone con attività fisica e mentale intense, agli sportivi prima e dopo l'allenamento, ed anche alle persone cardiache.
Gli specialisti dicono che il livello di carnitina si riduce sempre di più mentre la persona invecchia, e in tal modo l’integrazione con L-Carnitina,è benefica perché riduce la stanchezza e stimola la funzione del sistema muscolare.

Commenti

Post popolari in questo blog

Manda i dolori "a fare una passeggiata"

Senti che l'autunno si sta lentamente riprendendo e stai pensando con ansia ai giorni freschi, umidi e piovosi che seguono e che, ogni anno, attivano i tuoi dolori articolari o reumatici? L'infiammazione è una risposta del sistema immunitario e un meccanismo di difesa del corpo, essendo un modo attraverso il quale segnala la presenza di batteri o virus che dobbiamo combattere. Se il dolore si manifesta di tanto in tanto o persiste, hai bisogno di un rimedio affidabile che ti aiuti a far fronte al dolore. Usa i doni della natura a tuo vantaggio! L' estratto di artiglio del diavolo è, ad esempio, uno dei rimedi naturali più efficaci per il dolore. Sblocca le articolazioni colpite da reumatismi, abbassa la febbre e dolori muscolari e allevia le malattie cardiache. La sua azione analgesica e antinfiammatoria allevia l'artrite, l'artrosi o la spondilosi, guadagni mobilità e puoi goderti liberamente i bei momenti della vita. Gli effetti benefici dell'eucalipto , inv

L'artiglio del diavolo ottimo per i reumatismi

L'artiglio del diavolo è una pianta originaria dell'Africa sud-orientale e cresce su terreni sabbiosi, ad un'altitudine di 500, 1000 metri.  Il nome, strano e insolito, è dovuto al frutto spinoso, simile agli artigli. © Secrétariat CITES © CITES Secretariat - wikipedia È una pianta curativa, con radici tuberose molto forti, da cui emergono le radici secondarie. Il gambo è coperto di foglie verdi con sfumature grigie perché sono ricoperte di peris fine, che secernono le mucillagini.  Il fiore ricorda una tromba, è giallo con bordi nei toni del rosa al viola.  Fiorisce tra dicembre e febbraio. Il frutto è spinoso, incapsulato in un guscio legnoso, con due grandi spine centrali e due file laterali di 12, 16 braccia coperte di punte più lunghe del frutto.  Per più di mille anni, gli abitanti del deserto del Kalahari hanno usato la radice dell'artiglio del diavolo come rimedio per il trattamento del dolore articolare e muscolare. Fu portato in Europa all'inizio del XIX

Con Quali Problemi si può riscontrare il tratto respiratorio?

  Il sistema respiratorio dispone di   barriere protettive contro virus, batteri, polvere e inquinamento atmosferico  . Il loro ruolo è impedire a questi agenti patogeni di raggiungere i polmoni. Le malattie dell’apparato respiratorio si verificano quando determinati agenti patogeni naturali e sostanze estranee attraversano la barriera di difesa naturale.  E se la tua immunità non è forte, possono apparire  : Infezioni acute virus respiratori, influenza  (causata da virus) laringite, bronchite, polmonite, faringite  (causata da batteri, tubercolosi) Infezioni croniche: bronchite cronica, asma, BPCO. 5 Consigli per migliorare la salute del Tuo tratto respiratorio 1. Esercizi cardio Sai già che il movimento è indicato, ma sapevi che  può influenzare direttamente il modo in cui respiri? Che tu stia nuotando, jogging, aerobica, ciclismo, tennis o calcio, l’idea di un allenamento cardio è far muovere il sangue. Gli esercizi cardio aiutano i polmoni a funzionare in modo più efficiente  , fan